Giacomo Puccini
Tosca, passione e sensualità.

tosca1

Cari Amici,
domenica 14 giugno alle 15 vi invitiamo nella nostra Casa della Musica (via Lampugnani, 80, Desio) per un evento speciale. Ascolteremo e vedremo TOSCA: uno dei grandi capolavori di Giacomo Puccini. La ascolteremo nell’edizione diretta da Antonio Pappano – forse il migliore direttore pucciniano della nuova generazione – al Covent Garden di Londra. Le voci saranno quelle – grandi – di Jonas Kaufmann, Angela Gheorghiu e Bryn Terfel. Completano il cast l’Orchestra e il Coro del Covent Garden di Londra e la regia di Jonathan Kent. Questa edizione, nuova ma già un classico, è considerata una delle più interessanti dell’ultimo decennio. L’opera sarà proiettata su grande schermo in HD con suono DSD-MASTER: il meglio della tecnica della riproduzione del suono oggi.

Un motivo per non mancare è la presenza di Andrea Scarduelli. Musicologo, presenterà l’opera con la sua tipica tecnica del “concerto narrato”: un modo innovativo e coinvolgente che permette di capire e approfondire un grande classico dell’opera lirica, divertendosi. Raccomandiamo questo pomeriggio musicale in particolare ai giovani o a chi vuole iniziare ad avvicinarsi al mondo della lirica. Ma anche chi conosce profondamente questo titolo avrà motivo per divertirsi.

E’ un’opera di grandi passioni, Tosca, senza dubbio l’opera più tragica di Puccini. Fughe tenebrose, torture, plotoni di esecuzione, due omicidi e due suicidi. E in mezzo a tutto ciò, gelosia, violente passioni, tradimenti, amori inconfessabili. A fare da quinta a questo dramma c’è Roma: la Città Santa sembra aver perduto ogni aspirazione ultraterrena e afflato spirituale. Non c’è più traccia di traccia di Vangelo nella Città Eterna che uccide il bene e fa trionfare il male. In un’atmosfera fosca e acre, i funzionari papali – crudeli e dissoluti – appaiono impegnati soltanto a reprimere i sentimenti di patrioti pronti a dare la vita per donare la libertà e i diritti civili ai popoli. Ma nel mondo “malato” di Puccini, nessuno è “salvo” e perfino i buoni nascondono tanti lati oscuri. E l’amore – da forza che ci spinge al bene – si riduce a motore immobile di passioni morbose e violente.

Un tema forte che viene esaltato da una partitura di grande potenza, che anticipa in alcuni tratti l’espressionismo. La Roma in totale declino dei primi anni dell’Ottocento appena sfuggita al giogo napoleonico viene evocata da Puccini con estrema cura (il compositore si recò a Roma per ascoltare il suono delle campane e studiò la Chiesa di Sant’Andrea della Valle, entrò a Palazzo Farnese e salì in cima a Castel Sant’Angelo). Ma è il cuore dei protagonisti a essere tratteggiato con pennellate musicali poetiche e intense: la sensualità dei tre protagonisti e il loro opposto modo di intendere l’amore e la passione trova un contraltare perfetto nella partitura pucciniana, che poté avvalersi di un dramma potente come quello di Victorien Sardou e di un libretto efficace preparato da Giacosa e Illica.

Un’occasione per scoprire o riscoprire un grande classico dell’opera italiana!!
Vieni a trovarci alla Casa della Musica
Gli Amici della Musica

Il programma:
Casa della Musica, Desio
domenica 14 giugno 2015 ore 15

Giacomo Puccini

Tosca

Angela Gheorghiu, Floria Tosca
Jonas Kaufmann, Mario Cavaradossi
Bryn Terfel, Il Barone Scarpia
Orchestra e Coro del Covent Garden di Londra
Jonathan Kent, regia
Antonio Pappano, direttore
Covent Garden, Londra

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento