MUSICA E CINEMA
EISENSTEIN La Corazzata Potemkin, SHOSTAKOVICH Quinta Sinfonia

Cari Amici,
domenica 26 novembre alle 15 alla Casa della Musica (via Lampugnani, 80, Desio) vi presenteremo due grandi artisti russi: Sergei Eisenstein (1898-1948) e Dmitri Shostakovich (1906-1975). Entrambi credettero profondamente al comunismo. Entrambi furono perseguitati da questa ideologia. Attraverso la visione e l’ascolto di due dei loro capolavori, cercheremo di capire che cosa è stato il comunismo. Facendocelo raccontare da chi lo ha vissuto sulla propria pelle e da chi ci ha messo la faccia.

DUE CAPOLAVORI – Nel corso di un pomeriggio appassionante, potremo assistere alla proiezione de La Corazzata Potemkin (1925). Si tratta della pellicola più celebre del regista russo Sergei Eisenstein. Potremo ammirare uno dei capolavori più celebri della storia del cinema in Alta Definizione e con la colonna sonora originale di Edmund Meisel. Il film (durata: 67 minuti) racconta con l’intensità tipica dell’Espressionismo alcuni episodi della rivolta del 1905.

Emozioni altrettanto potenti ci trasmetterà la Quinta Sinfonia (1937) di Dmitri Shostakovich: eseguita per la prima volta dal grande direttore Evgeny Mravinsky per i vent’anni della Rivoluzione di Ottobre, l’opera solo in apparenza aderisce al programma celebrativo richiesto dai committenti, ma descrive in realtà il contrasto tra l’ideale comunista del compositore e il socialismo reale dell’Urss. Ascolteremo questo potente affresco sinfonico nell’interpretazione dell’Orchestra Sinfonica della Radio Bavarese (una delle più grandi orchestre del mondo)diretta da Mariss Jansons (un maestro lettone che ha iniziato e percorso gran parte della sua carriera oltre la cortina di ferro) al Gran Teatro Colon di Buenos Aires.

Con questo programma rievocheremo uno degli avvenimenti storici più importanti del XX secolo: la Rivoluzione di Ottobre del 1917.
Non perdete questo momento!!
Gli Amici della Musica HvK

Domenica 26 novembre ore 15
Casa della Musica, Desio
MUSICA e CINEMA
Sergej Eiseinstein

La Corazzata Potemkin

Dmitri Shostakovich

Sinfonia numero 5

Orchestra Sinfonica della Radio Bavarese
Mariss Jansons

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

MUSICA E LETTERATURA
Il Requiem di Verdi con letture dai Promessi Sposi

Cari Amici,
Venerdì 17 novembre alle 21 vi invitiamo alla Casa della Musica per vivere una serata tra musica e letteratura. Come saprete, Giuseppe Verdi scrisse la sua Messa da Requiem in memoria di Alessandro Manzoni.

Vi faremo ascoltare una delle più prestigiose edizioni di tutti i tempi di questo capolavoro verdiano. E – nell’intervallo tra la prima e la seconda parte – vi proporremo la lettura di tre tra i passi più significativi dei Promessi Sposi.

HERBERT VON KARAJAN, LUCIANO PAVAROTTI, ARTURO TOSCANINI – L’edizione che ascolteremo – restaurata in 4K e con suono Hdr – è stata registrata al Teatro alla Scala. Sul podio c’è Herbert von Karajan, che firma una delle letture più ispirate e sensibili di tutti i tempi del capolavoro verdiano. L’esecuzione fu dedicata alla memoria di Arturo Toscanini. Nel cast c’è un giovane Luciano Pavarotti, al culmine delle sue grandi doti vocali. Con lui altri tre grandi artisti: Nicolaj Ghiaurov, Leontyne Price e Fiorenza Cossotto.

Un ascolto veramente importante, che vi raccomandiamo di non perdere!!!
Gli Amici della Musica HvK

Venerdì 17 novembre ore 21
Giuseppe Verdi

REQUIEM

Leontyne Price, Fiorenza Cossotto, Luciano Pavarotti, Nicolai Ghiaurov
Orchestra e Coro del Teatro alla Scala
HERBERT VON KARAJAN

Riproponiamo in 4K e suono 8 canali Hdr un celebre video nato nel gennaio 1967 per il decimo anniversario della morte di ARTURO TOSCANINI. Si può ammirare un giovane LUCIANO PAVAROTTI. Ma anche Leontyne Price, Fiorenza Cossotto e Nicolai Ghiaurov: tre voci straordinarie. L’anima di questa interpretazione è però HERBERT VON KARAJAN che firma qui una delle esecuzioni migliori possibili del capolavoro verdiano. Le riprese di questo celebre video a colori furono affidate a un grande regista: Henry Georges Clouzot.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

GRAND OPERA
Il FAUST di GOUNOD con cena buffet

Cari Amici,
sabato 11 novembre alle 18 alla Casa della Musica (via Lampugnani, 80, Desio) vi proponiamo di condividere con noi l’atmosfera di cultura e di piacere che sempre si ritrova quando si accosta l’opera.

Questa volta vi proponiamo di ascoltare e vedere con noi una partitura famosissima e molto amata: il FAUST di Charles GOUNOD. Un’opera che divenne così popolare da avere l’Ottocento ai suoi piedi e da essere – ancora oggi – uno dei titoli di punta delle stagioni liriche in tutto il mondo. La sua musica è piena di potenza, ma anche di charme francese, con arie capaci di stregare il pubblico. Affascinante anche il tema: il demoniaco, preso con lo spirito scettico e un po’ ironico che solo i francesi sanno sfoderare: un mefistofelico Faust… pentito. Redento non dalla fede ma… dalla bellezza e dall’amore di una bella fanciulla. Tutto ciò, senza banalizzare i grandi temi che hanno appassionato la cultura europea dell’Ottocento (e appassionano ancora l’uomo di oggi).

Importante è anche la qualità dell’allestimento del Teatro Regio di Torino. Gianandrea Noseda – uno dei grandi direttori italiani di oggi – sul podio. Irina Lungu e Ildar Abdrazakov, due grandi voci. E una regia di grande ed emozionante impatto visivo firmata da Stefano Poda. Il tutto restituito dalla magia dell’Alta Definizione.

Completa la qualità della serata un sontuoso buffet, offerto all’intervallo, con l’imitabile piacere di ritrovarsi tra persone che amano le cose belle!
CENA BUFFET (contributo: euro 10) Gratuito per under 30
Gli Amici della Musica HvK

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

NOVECENTO STORICO
La Notte Trasfigurata e Un sopravvissuto a Varsavia di SCHOENBERG

Cari amici,
Sabato 4 novembre alle 21 la Casa della Musica (via Lampugnani, 80, Desio) riapre per offrirvi un concerto sinfonico interamente dedicato ad Arnold Schoenberg (1874-1951). A oltre un secolo dalla loro pubblicazione, le opere di Schoenberg fanno ancora paura a una parte non piccola del pubblico di appassionati di musica classica.
Le due partiture che vi proporremo di ascoltare nell’interpretazione dei Berliner Philharmoniker diretti da Sir Simon Rattle sono capolavori di grande bellezza, capaci di suscitare un grande entusiasmo, e un grande coinvolgimento, anche in chi non ha una particolare confidenza con la musica di Schoenberg.

Verklarte Nacht, La Notte Trasfigurata – E’ il primo grande capolavoro di Arnold Schoenberg. Composto nel 1899, appartiene alla prima fase creativa e mostra quanto questo artista avesse raggiunto una impressionante perizia nel creare straordinari capolavori tardo romantici con linguaggio ancora ai confini della tonalità. Solo più tardi avrebbe intrapreso altre, più rivoluzionari percorsi. Nato come composizione da camera per sestetto d’archi, fu poi tramutato anche in un poema sinfonico con una grandiosa orchestrazione. Il tema ispiratore è tratto da una poesia di Richard Dehmel. Un uomo e una donna vagano tra gli alberi, in una notte fredda, illuminata dalla Luna (un topos della poetica di questo autore). Lei confessa di aspettare un figlio di un altro, dal quale si era illusa di essere amata, e di aver creduto che un bambino avrebbe dato senso, se non felicità, alla sua vita. Lui le assicura che l’amore che provano l’uno per l’altra li unirà e farà sì che entrambi amino pienamente quella creatura. La Notte Trasfigurata è dunque un momento di passaggio: dall’amore concepito come puro sfruttamento, a un amore vero, totale e assoluto.

Ein Überlebender aus Warschau, Un sopravvissuto a Varsavia – è invece un brano del 1947 che appartiene alla fase estrema di Schoenberg, che sarebbe morto nel 1951. Si tratta di una breve, sconvolgente composizione che rappresenta il particolare tributo dell’autore agli ebrei vittime della persecuzione nazista. Basata su una storia che sentì raccontare dai sopravvissuti dell’insurrezione di Varsavia, in questo pezzo si svela tutto l’inimitabile talento di Schoenberg per la rappresentazione dell’angoscia, della paura, che deriva da una realtà da incubo e dal disorientamento emotivo che vive l’uomo contemporaneo. Il narratore, con lo spreachgesang (lo stile di canto parlato tipico di Schoenberg) racconta di un gruppo di prigionieri svegliati prima dell’alba e picchiati dai loro carnefici. Il sergente nazista ordina loro di contarsi a voce alta, in modo da sapere quanti ne rimangono da scortare nelle camere a gas. Ma nel mezzo del conteggio, i prigionieri esplodono nell’antico canto ebraico Shema Ysrael, un’ultima grande affermazione della propria dignità umana. Questo dramma è una vera e propria musica di protesta, ma anche di affermazione dei valori umani nei momenti di difficoltà insuperabili.

L’esecuzione che ascolteremo è proiettata con la tecnologia della Digital Concert Hall, la sala da concerto virtuale in video 4K e suono Hdr a otto canali. Una serata ad alta emozione musicale!!
Gli Amici della Musica HvK

Sabato 4 novembre 2017 ore 21
Casa della Musica
ARNOLD SCHOENBERG

VERKLARTE NACHT

(LA NOTTE TRASFIGURATA)

EIN UBERLEBENDER AUS WARSCHAU

(UN SOPRAVVISSUTO A VARSAVIA)

Berliner Philharmoniker
Sir Simon Rattle

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Il Trionfo del Barocco.
I concerti Brandeburghesi di Bach secondo Claudio Abbado

Cari Amici,
Martedì 31 ottobre alle 21 alla Casa della Musica (via Lampugnani 80 Desio) ascolteremo e vedremo un video diventato storia: I CONCERTI BRANDEBURGHESI di JOHANN SEBASTIAN BACH con l’ORCHESTRA MOZART e la concertazione di CLAUDIO ABBADO.

FILOLOGIA E LEGGEREZZA – Si tratta di un’interpretazione capace di donare ai capolavori bachiani un’inedita freschezza e leggerezza. Il grande direttore milanese ha sempre frequentato queste partiture. Negli ultimi anni della sua carriera, il confronto tra le conquiste della filologia e la sua inimitabile bacchetta, ha dato vita a un’interpretazione diventata un punto di riferimento, grazie anche alla presenza di solisti di straordinario valore come Ottavio Dantone, Giuliano Carmignola, Alessio Allegrini, Alessandro Carbonare, Wolfram e Raphael Christ, Lorenza Borrani capaci di dare vita a un ensemble dal virtuosismo impareggiabile.

EMOZIONE IMPAGABILE – Riproponiamo questa esecuzione che – con un gruppo di Amici della Musica – andammo ad ascoltare dal vivo a Ferrara. Nel corso della serata vi racconteremo l’inimitabile atmosfera di un concerto dal vivo con Claudio Abbado! Un’emozione impagabile, capace di riprodursi in modo assai realistico in queste straordinarie registrazioni.
Gli Amici della Musica HvK

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Musica a Villa Tittoni. Il mondo poetico di Vincenzo Bellini

Cari Amici,
come saprete, uno dei più grandi operisti del primo ottocento – VINCENZO BELLINI – dimorò a Villa Tittoni. E compose una delle sue opere – La Straniera – a Desio. Venerdì 27 ottobre alle 21 a Villa Tittoni (via Lampugnani, 62) ricorderemo questa importante presenza – una delle più significative nella storia della nostra città – offrendovi un nuovo spettacolo tutto dedicato a Vincenzo Bellini.
Uno spettacolo tutto da ascoltare e da vedere, nel corso del quale vi presenteremo un’introduzione al MONDO POETICO DI VINCENZO BELLINI, attraverso un excursus – con narrazione e video ascolti – attraverso le tre più importanti creazioni di Vincenzo Bellini: Sonnambula, Norma e Puritani.
Vi invitiamo con piacere a questo momento realizzato nell’ambito di Un mondo di idee: il contenitore culturale dell’amministrazione comunale, che ha messo a disposizione le sale fastose di Villa Tittoni. L’iniziativa è stata realizzata in collaborazione con il Circolo Culturale Pro Desio.

Gli Amici della Musica HvK

Il nostro impegno per la divulgazione della musica di Vincenzo Bellini proseguirà sabato 28 ottobre alle 16 con il bellissimo spettacolo di Andrea Scarduelli – La Leggenda di Norma – al Teatro Belloni di Barlassina e infine con la proiezione integrale di Norma in una nuovissima e suggestiva produzione andata in scena l’anno scorso al Covent Garden con la direzione di Antonio Pappano

VIDEO ASCOLTO STRAORDINARIO – Martedì 31 OTTOBRE alle 21 vi proporremo la proiezione dei Concerti Brandeburghesi di Johann Sebastian Bach nella magnifica esecuzione dell’Orchestra Mozart con Ottavio Dantone come solista e la concertazione di CLAUDIO ABBADO

Venerdì 27 ottobre ore 21
Villa Tittoni Traversi (via Lampugnani, 62 Desio)

IL MONDO POETICO DI
VINCENZO BELLINI

Proiezione di arie belliniane
Tratte dalle opere
SONNAMBULA
NORMA
PURITANI
Con narrazione dell’opera
a cura di
Amici della Musica HvK
Circolo Culturale Pro Desio
Ingresso gratuito

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

A cena con l’Opera.
Nabucco di Giuseppe Verdi

Cari Amici,
sabato 21 ottobre alle 18 vi invitiamo a trascorrere una piacevole serata alla Casa della Musica (via Lampugnani, 80, Desio). Vi faremo ascoltare NABUCCO di GIUSEPPE VERDI. E vi offriremo una simpatica CENA BUFFET.

TEATRO REGIO DI PARMA – Vi faremo ascoltare una prestigiosa registrazione del 2012 in Alta Definizione con Michele Mariotti sul podio, la regia di Daniele Abbado e grandi voci come Dimitra Theodossiou e Leo Nucci. Un allestimento insieme moderno e prestigioso. Il video ascolto sarà preceduto da una presentazione di un esperto d’opera. E, tra un intervallo e l’altro, altri interventi con curiosità su Verdi, Nabucco, gli interpreti e il Teatro Regio di Parma.

AMORE A PRIMA VISTA – La Prima di Nabucco avvenne il 3 marzo 1842 al Teatro alla Scala: la prima grande opera di Giuseppe Verdi (1813-1901). Nella temibile parte di Abigaille c’era Giuseppina Strepponi. Maestro al cembalo era invece Giuseppe Verdi in persona. Temistocle Solera scrisse il libretto di questo dramma lirico in quattro atti. Il successo di quest’opera di rivelò fin dalle prove: «il carattere dello spartito era talmente nuovo, talmente sconosciuto, lo stile così rapido, così insolito che lo stupore era generale e anche cantanti, cori, orchestra, all’udire questa musica, mostravano un entusiasmo straordinario» (Arthur Pougin, riportato in “Verdi” di Massimo Mila).

IL LIBRETTO DI NABUCCO NELLA TASCA – Eppure gli esordi del più importante operista italiano dell’Ottocento non furono così promettenti: se la sua prima opera, Oberto, conte di San Bonifacio (1839) non fu un grande successo, la seconda, Un giorno di regno (1840) fu un totale fallimento. Proprio in quegli anni visse una tragedia personale: i due figli e la moglie morirono a breve distanza di tempo ed egli arrivò a giurare che non avrebbe mai più scritto musica. La storia dell’impresario della Scala che infilò il libretto del Nabucco è nota, così come il fatto che la creatività del maestro venne stimolata subito dai versi del Va pensiero sull’ali dorate, incipit del coro degli ebrei prigionieri.

IL QUASI INNO NAZIONALE – Il tema biblico della schiavitù del popolo ebreo a Babilonia sotto Nabucodonosor, il re che Dio punì con la follia ma che, rinsavito, si converte e libera il popolo eletto, ispirò a Verdi un’opera che fin dal debutto fu un successo travolgente. In particolare il famoso coro finì col diventare una sorta di inno nazionale. E la vicenda sentimentale tra la figlia di Nabucco e il giovane ebreo, di cui è innamorata anche l’intrigante Abigaille, aggiunge tensione al topos verdiano del conflitto – di poteri tra Chiesa e Stato – e psicologico, tra padre e figlia. In germe, già tutto Verdi.

Contributo per il buffet: euro 10 (gratuito per under 30)!!
(video ascolto in preparazione della rappresentazione dal vivo alla Scala)
Gli Amici della Musica HvK

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

LUCERNE FESTIVAL
Gustav Mahler e la Sinfonia dei Mille

Cari Amici,
venerdì 13 ottobre alle 21 alla Casa della Musica (via Lampugnani, 80, Desio) ascolteremo la Sinfonia numero 8 di Gustav Mahler. Chiamata a volte la «Sinfonia dei Mille» per il suo organico colossale che comprende un’orchestra di 120 orchestrali e un coro smisurato, è un’opera che affronta il tema di Dio: esattamente come la Seconda Sinfonia Resurrection, che ascolteremo dal vivo il 14 ottobre al Teatro alla Scala (e di cui questa serata costituisce un momento di preparazione).

LUCERNE FESTIVAL – L’edizione che proporremo è stata registrata al Festival di Lucerna nell’agosto 2016 nella splendida Salle Blanche, capolavoro di Jean Nouvel. E’ stata diretta da Riccardo Chailly. Grande direttore mahleriano (ha al suo attivo tre registrazioni integrali delle sinfonie del compositore boemo), ha raccolto da Claudio Abbado la guida del Lucerne Festival, ripartendo da dove Abbado si era fermato. L’Ottava Sinfonia, appunto.

FAUST DI GOETHE – L’Ottava Sinfonia di Mahler è composta di due parti. La Prima, è composta dall’antico inno latino Veni Creator Spiritus. La Seconda, dalla Scena finale del Faust di Goethe. Mahler volle dirigere personalmente la prima esecuzione, nel 1910. Un anno prima di morire, già minato dalla malattia, il grande compositore si confronta a viso aperto con Dio.
Gli Amici della Musica HvK

Venerdì 13 ottobre ore 21
Casa della Musica
(Via Lampugnani 80, Desio)
LUCERNE FESTIVAL ORCHESTRA
Gustav Mahler

SINFONIA N° 8 DEI MILLE

Ricarda Merbeth, Juliane Banse, Anna Richter, Sara Mingargo, Andreas Schager, Peter Mattei, Samuel Youn

Coro Der Bayerische Rundfunk
Lucerne Festival Orchestra
RICCARDO CHAILLY

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Danza per la Casa delle Donne

Cari Amici,
accanto alla Casa della Musica ha aperto la sua sede la Casa delle Donne. Domenica 8 ottobre alle ore 17 vi invitiamo alla Casa della Musica (Via Lampugnani, 80, Desio) per vivere un momento di condivisione con questa nuova associazione che si propone di unire le donne di ogni cultura con un confronto creativo di idee, storie, valori, tradizioni.

Offriremo alle socie della nuova associazione un momento di benvenuto dedicando loro la proiezione di due tra i più spettacolari capolavori della danza classica: L’Uccello di Fuoco e La Sagra della Primavera di Igor Stravinsky (1881-1971) L’allestimento è quello del Teatro Marinsky di San Pietroburgo con un grandissimo direttore specialista del repertorio russo come Valery Gergiev. Le coreografie sono quelle di Michel Fokine (1910) e di Vaslav Niinsky (1913): in entrambi i casi, quelle originali della prima, mitica rappresentazione di Diaghilev e dei Ballets Russes.

Vi aspettiamo!!
Gli Amici della Musica HvK

Domenica 8 ottobre ore 17
Casa della Musica
(Via Lampugnani 80, Desio)
DEDICATO ALLA CASA DELLE DONNE
Igor Stravinsky

L’UCCELLO DI FUOCO
LA SAGRA DELLA PRIMAVERA

Orchestra e Corpo di Ballo
Teatro Marinsky San Pietroburgo
VALERY GERGIEV

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Grandi voci
CALLAS ASSOLUTA

Domenica 1 ottobre alle 17 alla Casa della Musica (via Lampugnani, 80, Desio) MARIA CALLAS ci parlerà di ciò che aveva di più caro al mondo: LA SUA ARTE. Video tratti dai suoi recital, arie con le sue più celebri interpretazioni, raccontate e commentate, letture che svelano i suoi pensieri e raccontano i momenti cruciali della sua carriera.
Quando, il 16 settembre 1977, Maria Callas morì a soli 53 anni, fu a tutti chiaro che il mondo aveva perso un personaggio irripetibile, che resta però tuttora presente e centrale nel mondo della musica. «Maria Callas – ha detto Raina Kabaivanska – è oltre ogni cantante. Lei è lassù, mentre noi siamo quaggiù».
Grande voce, ma ancora più grande interprete, grande attrice, e grande donna dotata di un fascino straordinario, nel corso della sua carriera brevissima, ma intensissima, scopriremo come Maria Callas abbia servito la musica e l’arte come pochi altri artisti. In questa serata ci sarà il ricordo, ma anche una riflessione che ci aiuta a capire il messaggio di un’artista che è tuttora proiettata nel futuro. Per l’ingresso è richiesta una gentile prenotazione!
Vi aspettiamo!

MOSTRA AL MUSEO DELLA SCALA CON VISITA GUIDATA
Maria Callas: gli anni alla Scala

EVENTO ABBINATO ALLA VISITA GUIDATA ALLA MOSTRA «MARIA CALLAS IN SCENA: GLI ANNI ALLA SCALA AL MUSEO TEATRALE DEL TEATRO ALLA SCALA» (data e contenuti saranno comunicati domenica 1 ottobre alla Casa della Musica)

– SOTTOSCRIVI LA TESSERA 2018 – Abbiamo aperto la sottoscrizione della Tessera 2018. Euro 30 (tessera semplice valida per l’ingresso di una persona), euro 50 (sostenitore valida per l’ingresso di due persone). La nostra tessera vale molto: oltre 50 eventi musicali alla Casa della Musica, l’intera stagione del Teatro alla Scala con riduzione del 50%, riduzioni sulla Stagione dell’Orchestra Verdi di Milano, riduzione sui Cd Deutsche Grammophon e Decca e molto altro ancora.
LE NOVITA’ 2018 – Riduzioni al Teatro Regio di Torino, viaggi musicali a Lucerna e Salisburgo, Berlino e Vienna, gite musicali in Italia!

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail