Salta al contenuto

Maurizio Pollini 80. Mozart K488 e Beethoven Imperatore

Cari Amici,

per chi ama la Musica Classica, da sempre Maurizio Pollini è semplicemente un punto di riferimento. Il 5 gennaio 2022 il grande pianista ha compiuto 80 anni. Un traguardo importante che coglie l’artista ancora nel pieno di una prestigiosa e lunghissima carriera.

Alla Casa della Musica

Sabato 8 gennaio alle 21 alla Casa della Musica (via Lampugnani, 80, Desio) rifletteremo su questo straordinario artista. Alessandro Spinelli, il nostro esperto di pianoforte, ne tratteggerà la figura e l’opera, facendoci ascoltare due meravigliosi concerti per pianoforte con Mozart e Beethoven.

Karl Bohm, i Wiener e la Sala d’Oro di Vienna

Vi faremo tornare negli Anni Settanta del secolo scorso, nella Sala d’Oro di Vienna per ascoltare e vedere due video registrazioni che documentano i primi anni della sua carriera. Quella «fase viennese» a metà degli Anni Settanta in cui collaborò a lungo con i Wiener Philharmoniker e lo storico direttore austriaco Karl Bohm. La prima documenta un’esecuzione del Concerto per pianoforte n. 23 K 488 di Mozart, la seconda il Concerto per pianoforte n 5 Imperatore di Beethoven. Si tratta di due autentici gioielli del repertorio pianistico del Classicismo viennese e di cui le due esecuzioni discografiche sono pietre miliari nella storia dell’interpretazione.

Mozart

Il Concerto per pianoforte numero 23 K 488 del 1786 è una delle ultime creazioni di Mozart, ed è talmente innovativo e originale che potrebbe formare un mondo a se stante. Ciò che colpisce è la varietà tematica senza precedenti. Il primo movimento è un microcosmo di respiro quasi sinfonico, con linee tematiche tanto raffinate da far pensare all’infinito. Colpisce anche l’intimità delle atmosfere, la delicatezza timbrica, le poesie dei temi. Un brano con il quale Mozart riesce ad anticipare certe atmosfere del Romanticismo.

Beethoven

Il Concerto per pianoforte numero 5 Imperatore è forse il più famoso tra i concerti pianistici di Beethoven. Il brano del 1809 ha un carattere eroico e trionfante, al punto da fargli meritare l’epiteto che non scelse Beethoven ma il pubblico. E’ un brano nel quale Beethoven affronta le stesse tematiche di alcuni titoli di punta del repertorio sinfonico, declinandolo con la tavolozza sonora del pianoforte. La maestosità del primo tema in particolare fa pensare alla Sinfonia Eroica e al tema politico di un leader capace di rinnovare le istituzioni del mondo.

Pollini

Maurizio Pollini realizza in questi anni – gli anni d’oro dei Settanta del secolo scorso – alcune tra le grandi interpretazioni che lo hanno consegnato per sempre alla storia dell’interpretazione. La sua presenza carismatica e il senso di perfezione che emanano le sue interpretazioni sono ancora oggi un punto di riferimento.
Vi aspettiamo, non perdete questa serata!!!

AMICI DELLA MUSICA Herbert von Karajan ETS

Richiesta la prenotazione
Ingresso gratuito con super green pass. E’ richiesta la prenotazione a 3391352286 marco.mologni@gmail.com

Facebooktwittermail
Lascia un commento