Casa della Musica. Si riparte con grande Musica, Cinema e Arte!

Cari Amici,

a settembre riapre la Casa della Musica! Una casa, dove trovare un gruppo di amici di ogni età con i quali condividere la passione della Musica Classica. Un luogo dove trovare tutto quanto un appassionato desidera. Ma anche un gran bel posto dove chi è curioso può muovere i primi passi alla scoperta di un mondo appassionante.
Alcuni aspetti importanti per noi:

  1. LA DIVULGAZIONE – Ogni ascolto è preceduto da una presentazione il più possibile completa e curata, proposta da un esperto, ma con uno stile semplice e chiaro e tale da essere compreso anche da chi non sa nulla di Musica Classica
  2. LA CRONACA MUSICALE – Alla Casa della Musica potete trovare il meglio di tutto quanto viene proposto nei più prestigiosi teatri d’opera e sale da concerto di tutto il mondo, e ascoltare e vedere le più importanti produzioni, ma anche i più significativi interpreti e le più significative tendenze del mondo della musica classica.
  3. LA QUALITA’ – Alla Casa della Musica l’ascolto deve avere una qualità artistica, e sia il suono che l’immagine sono curate al massimo livello.
  4. LA CONVIVIALITA’ – Il clima di amicizia di convivialità e di piacere è sempre uno degli ingredienti fondamentali, così come anche la possibilità di fare incontrare le generazioni e persone con età molto diverse, grazie al valore comune e unificante della passione per la musica.
  5. L’ASPETTO SOCIALE – Favorire l’accesso alla Musica Classica alle categorie economicamente svantaggiate
  6. LE NUOVE GENERAZIONI – Condividere la passione per la Musica Classica con i bambini, i ragazzi e i giovani, con una particolare attenzione per le scuole.

Cinema e Arte

La Musica Classica è il valore fondamentale della Casa della Musica ed è e sarà sempre gratuita. Da quest’anno introdurremo anche proposte dedicate a CINEMA, ARTE, TEATRO, LETTERATURA che invece saranno proposte con la richiesta di una piccola donazione.

Tessera associativa

Ai soci è richiesta la tessera associativa (euro 50 socio ordinario, euro 100 socio sostenitore) e anche – nel limite del possibile – di sostenerci con offerte e donazioni, non restando semplici fruitori e beneficiari di un grande impegno, ma condividendo la nostra passione e sentendovi parte della fatica e dell’impegno – anche economico – di questo progetto.

Vi aspettiamo!
Gli Amici della Musica HvK

Domenica 8 settembre ore 16
Live da Berlino
Concerto inaugurale di Kirill Petrenko alla Philharmonie di Berlino
KIRILL PETRENKO IN BERLIN
Risultati immagini per kirill petrenko nona beethoven
Alban Berg
Lulu Suite
Ludwig van Beethoven
Sinfonia numero 9 Choral
BERLINER PHILHARMONIKER
KIRILL PETRENKO

Finalmente è arrivato il momento! Per la prima volta, Kirill Petrenko davanti al Berliner Philharmoniker come nuovo direttore principale. Per il suo concerto inaugurale, ha scelto uno dei più grandi capolavori sinfonici del XIX secolo: la Nona Sinfonia di Ludwig van Beethoven, un’opera in cui quasi dal nulla, la formidabile tensione musicale che Beethoven trova la sua esaltazione finale nel corale “Freude, schöner Götterfunken” (Gioia, tu beato fulmine divino).

La nona sinfonia di Beethoven

La sinfonia ha un grande potere simbolico per tanti motivi: da un lato, il magnifico movimento finale con il suo coro finale “Inno alla Gioia” di Schiller, che potrebbe difficilmente esprimere meglio la gioia con cui Petrenko e i Philharmoniker iniziano insieme il loro futuro; dall’altro, la Nona trasmette anche un messaggio importante: un chiaro impegno per l’umanità, per l’uguaglianza di tutta l’umanità.
Inoltre, l’esecuzione della sinfonia è la prima di una serie di concerti di Beethoven in questa stagione in occasione del 250° anniversario della nascita del compositore nel 2020. Allo stesso tempo, rende omaggio musicale ai precedenti direttori dei Berliner Philharmoniker: da Hans von Bülow, che una volta presentò l’opera due volte di seguito in un concerto, ad Arthur Nikisch, Wilhelm Furtwängler e Herbert von Karajan, che scelse la sinfonia tra le altre opere per l’apertura della nuova Philharmonie nel 1963, e infine a Claudio Abbado e Sir Simon Rattle, ognuno dei quali ha incantato il pubblico con la loro interpretazione inimitabile della Nona Sinfonia.
INGRESSO GRATUITO

Facebooktwitterpinterestlinkedinmail

Lascia un commento