Alle radici dell’uomo
La Quarta Sinfonia “Romantische” di Anton Bruckner

Cari Amici,
domenica 10 settembre alle 15 (*) alla Casa della Musica (via Lampugnani, 80, Desio) ascolteremo e vedremo uno dei capolavori del Tardoromanticismo tedesco: la Quarta Sinfonia di Anton Bruckner. L’esecuzione sarà affidata a Christian Thielemann e alla Sachsische Staatskapelle Dresden. Si tratta della più antica orchestra europea. Ininterrottamente in attività dal 1548, è una delle cinque migliori orchestre al mondo. Dotata di un suono unico e peculiare, ha una potenza e un virtuosismo impressionanti.

LA VITA E I SOGNI – Anton Bruckner è un compositore che per tutta la vita cercò Dio. Dopo averlo “trovato”, cercò di descrivere ciò che aveva contemplato con la sua musica. Le sue grandiose sinfonie ci parlano di un mondo ultraterreno e ci riportano alle origini stesse della vita. In particolare Bruckner descrive la “grande bellezza” del Creato: la vastità della Natura, gli spazi immensi e le verdi praterie delle campagne austriache, le cattedrali barocche alte e bianchissime dove per tutta la vita fu organista. La sua musica, originalissima, trova le sue radici nel canto gregoriano, in Palestrina e Bach.

NEL CUORE DEL ROMANTICISMO – La Quarta Sinfonia “Romantica” declina uno degli aspetti fondanti del Romanticismo: la sete – ma ancor più – la nostalgia – di Dio e il desiderio di ascesi e di elevarsi verso l’alto. E’ forse – fra le undici – la sua sinfonia più amata. L’arcano incipit affidato al corno che riluce tra la quiete grandiosa degli archi dà subito il colore dell’opera: una composizione sacra senza parole. Se il secondo movimento appare come un sognante canto processionale, il successivo Scherzo è un galoppo verso i cieli, mentre il maestoso crescendo che conclude il finale possiede lo straordinario potere di evocare paesaggi naturali di una bellezza lucente. Nei quali Bruckner intravede la luce divina.

MASSI MUSICALI ERRATICI – Gunter Wand, un grande maestro che insieme a Sergiu Celibidache è stato uno dei grandi interpreti del compositore austriaco, ha paragonato Bruckner a un “masso erratico”, una grande lastra di pietra capace di mostrarci – con la sua antichità ancestrale – le origini della vita e del mondo. La musica di Bruckner è un universo di sconfinata ricchezza che vi invitiamo a scoprire!
Gli Amici della Musica HvK

(*) CAMBIO DI DATA – Abbiamo cambiato la data del video ascolto, preferendo la domenica pomeriggio, perché è l’unico momento del weekend in cui è possibile trovare agevolmente parcheggio attorno alla Casa della Musica (e nello spazio accanto alla biblioteca civica)

DRESDNER E THIELEMANN ALLA SCALA DAL VIVO – Lunedì 11 settembre alle 21 ci sarà la possibilità di ascoltare la stessa orchestra e lo stesso direttore dal vivo al Teatro alla Scala (con il Primo concerto per pianoforte di Beethoven e la Prima Sinfonia di Bruckner)(platea o palco in posti di grande qualità): vi consigliamo di vivere questa esperienza straordinaria e unica: ascoltare dal vivo una simile orchestra non ha prezzo e Thielemann è il migliore direttore vivente in Bruckner.

HANSEL UND GRETEL ALLA SCALA
Vi ricordiamo che c’è ancora la possibilità di ascoltare dal vivo al Teatro dalla Scala l’opera Hansel und Gretel nelle date: 8/9; 16/9; 20/9; 21/9; 24/9.

Per info e prenotazioni: Marco Mologni marco.mologni@gmail.com 339-1352286

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento