OPERA E CINEMA
Ciro in Babilonia di Rossini

Cari Amici,
sabato 29 aprile alle 18 (Casa della Musica via Lampugnani, 80, Desio) vi invitiamo a un’apericena con l’opera. E con il cinema! Abbandonatevi alla passione di scoprire un titolo della storia dell’opera e uno della storia del cinema. Entrambi rari.

Uno è Ciro in Babilonia, un’opera composta nel 1812 da Gioacchino Rossini riscoperta dal Rossini Opera Festival (il più importante festival rossiniano del mondo) con un prestigioso revival. L’altro è Cabiria: il famoso Kolossal del 1914 di Giovanni Pastrone. La musica di Rossini e i fotogrammi muti del più celebre tra i grandi film dimenticati danno vita a una fusione tra arti spettacolare e affascinante. Un’idea geniale che vi conquisterà.

L’ALLESTIMENTO – Ad assistere alla Prima dell’opera – il secondo incontro del pesarese con l’opera seria – ci fu Stendhal che la definì “un’opera piena di grazia”. Dimenticata, è tornata a interessare i teatri nell’era della Rossini Renaissance (a partire dalla fine degli anni Ottanta del secolo scorso), fino alla riconsacrazione nel 2012, a Pesaro, con il prestigioso allestimento di Davide Livermore che potremo ascoltare e vedere con lo splendore dell’Alta Definizione. Sul podio c’è Will Croutchfield, il musicologo che ha riscoperto l’opera. Nel cast ci sono Jessica Pratt e Ewa Podles.

LA STORIA – Il libretto di Francesco Aventi racconta la storia di Baldassare, che mira a sposare la bella Amira, già sposata con Ciro e a lui ancora fedele. Ciro cerca di salvare la moglie e il figlio prigionieri del crudele tiranno, ma viene ben presto scoperto e catturato. Baldassare crede di aver vinto, ma durante un festino un prodigio gli annuncia la sua prossima morte. I sacerdoti suggeriscono allora di sacrificare i prigionieri, ma i Persiani riescono a sconfiggere i Babilonesi, liberando così Ciro e la sua famiglia. Baldassare trova la morte, e i due sposi possono finalmente vivere in pace.

PRESENTA FABIO TRANCHIDA – Vi invitiamo a scoprire uno degli allestimenti più curiosi e coinvolgenti degli ultimi anni a Pesaro, replicato da ormai cinque anni sempre con notevole successo e interminabili applausi! Particolare valore ha chi introdurrà l’opera: FABIO TRANCHIDA, profondo conoscitore dell’opera italiana e in particolare cultore di opere rare, oltre che straordinario affabulatore musicale.
Gli Amici della Musica HvK

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento