Il terremoto TEODOR CURRENTZIS

currentzis

Cari Amici,
domenica 18 gennaio alle 15 vi aspettiamo nella nostra Casa della Musica (via Lampugnani, 80, Desio). Scopriremo insieme quello che è sicuramente il direttore d’orchestra più carismatico della nuova generazione: TEODOR CURRENTZIS.

Nato ad Atene, cresciuto in Russia, questo enfant prodige in pochissimi anni è riuscito a scuotere il mondo della musica classica come un autentico terremoto. Da molti decenni non appariva un talento tanto carismatico e dotato di un’energia così travolgente.

Dopo aver mosso i primi passi nella musica antica, ha affrontato anche il repertorio classico, offrendo letture dei classici di forte carica innovativa e di travolgente energia, mentre nei brani del Novecento ha dato letture originalissime e dotate di una forte personalità e caratterizzate da un forte perfezionismo tecnico.
Dotato anche di un gesto insieme elegante e fortemente evocativo, Teodor Currentzis si è ben presto trasformato anche in un personaggio. E certe sue registrazioni hanno scalato le classifiche, perfino della hit parade pop. Tra queste, ci sono un’antologia di brani di Jean Philippe Rameau e le ormai famose incisioni delle Nozze di Figaro e di Così Fan Tutte di Mozart.
Vi proponiamo di ascoltare e vedere uno dei personaggi nascenti della musica classica in alcune tra le sue intepretazioni più riuscite. Lo metteremo alla prova sul terreno operistico e in quello sinfonico, con tre titoli che vanno a comporre un impaginato originale e piacevolissimo

IL PROGRAMMA

Casa della Musica, domenica 18 gennaio 2015

Piotr Ilich Caikovsky
IOLANTA
Opera in un atto su un dramma di Henrik Hertz
Ekaterina Scherbachenko, Dmitri Ulianov, Pavel Cernoch
Peter Sellars, regia
Teatro Real di Madrid 2012

Benjamin Britten
SINFONIETTA

Dmitri Shostakovich
CONCERTO PER VIOLONCELLO 
Steven Isserlis, violoncello
Mahler Chamber Orchestra
Bruges, Philharmonie, 2014

Iolanta è l’ultimo piccolo gioiello di Caikovsky. Scritto nel 1892, fu completata pochi mesi prima della morte del compositore. Tratto dal dramma La figlia del re Renee dell’autore danese Henrik Hertz, si racconta la favola triste della principessa Iolanda d’Angiò. Nata cieca, non sa nulla del suo difetto perché il Re ha proibito a chiunque di raccontarle i colori, le luci, i paesaggi. Sarà un principe azzurro a salvarla e guarirla.

Sinfonietta di Britten è un piccolo gioiello del Novecento sinfonico. Mentre il concerto per violoncello di Shostakovich si avvale di uno dei più geniali solisti di violoncello di oggi: Steven isserlis, degno accompagnatore in genialità di Teodor Currentzis.
Vi aspettiamo per un pomeriggio animato dal brivido della scoperta.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento