A MACHERIO COME ALL’ARENA DI VERONA – La Traviata di Giuseppe Verdi

traviata1

Cari Amici,
ascoltare la Traviata di Giuseppe Verdi sotto un cielo stellato d’estate, al fresco, in un anfiteatro che ricrea – nel suo piccolo – l’atmosfera magica dell’Arena di Verona. E’ quello che vi proponiamo GIOVEDI’ 21 LUGLIO ALLE 21.30 a Macherio (via Roma, 38, INGRESSO GRATUITO).

Scriveva Verdi ormai vecchio e famoso: “Non esiste un solo giorno, in cui in qualche teatro nel mondo, magari lontano, non venga rappresentata la Traviata”. Nel 2013 quest’opera così famosa è stata rappresentata 629 volte: quasi due volte al giorno. Il successo crescente di questo titolo ci fa capire come sia centrale nella storia della musica.

Ma Verdi non volle solo scrivere solo un’opera ricca di grande musica e indimenticabili melodie. In questa storia c’è anche la verità sull’uomo. Il grande amore, sempre sognato: ma quando arriva, si rivela impossibile, ostacolato com’è dal nostro passato e da un mondo che non ha la capacità di accoglierlo. Una parabola che non ha bisogno di attualizzazioni, tanto è esperienza quotidiana.

Ascolteremo quella che è forse l’opera più celebre in VIDEO PROIEZIONE, SU MAXI SCHERMO E IMPIANTO STEREO DIFFUSO IN TUTTO L’ANFITEATRO (il suono è all’aperto ma con buona qualità acustica). Proporremo una delle edizioni più interessanti di oggi. Nel 2009, alla Royal Opera House di Londra, Antonio Pappano (uno dei maggiori maestri d’opera di oggi) ha diretto la Traviata con Renée Fleming (Violetta), Joseph Calleja (Alfredo) e Thomas Hampson (Giorgio). Completano un allestimento di notevole livello la regia classica e tradizionale di Richard Eyre e le scene, sontuose ed eleganti, di Bob Crowley.

Un motivo per esserci è anche la presentazione dell’opera: affidata a Luca Figini, grande appassionato e profondo conoscitore dell’opera lirica, ci permetterà letteralmente di entrare dentro la partitura.

Vi aspettiamo per condividere con noi una serata di grande musica!
Gli Amici della Musica HvK

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento