Opera Domani: CO2 al Teatro alla Scala

co21

Cari Amici,
è davvero rara la possibilità di poter ascoltare un’opera in prima assoluta: nel senso che è stata composta quest’anno, e viene rappresentata per la prima volta. Potrete provare questa emozione martedì 19 maggio al Teatro alla Scala, quando avremo la possibilità di ascoltare la nuova opera del compositore contemporaneo Giorgio Battistelli: CO2.
Un’opera estrema, in tutti i sensi. Il cui linguaggio musicale fonde video, danza, brani solistici, sinfonici e corali e perfino architettonici, pensati dal geniale regista Robert Carsen, con la drammaturgia di Ian Burton e di Cornelius Meister. E il libretto? Tratto dal libro “An Inconvenient Truth” (Una scomoda verità) di Al Gore, l’ex vicepresidente degli Stati Uniti da anni impegnato sul fronte dell’ecologia.

Un’opera denuncia, insomma, dove sulla scena non ci saranno paesaggi neoclassici o valchirie wagneriane, ma i problemi suscitati dal Protocollo di Kyoto: l’allarme per il surriscaldamento globale, la crisi delle risorse del pianeta, le coste devastate dallo tsunami. L’opera di Battistelli – costata otto anni di lavoro – si propone dunque di risvegliare un sentimento di partecipazione nei confronti della Madre Gea, la nostra maltrattata Terra.

“La partitura – spiega Battistelli – ci parla dello scioglimento dei ghiacciai. Ma quello che sta vivendo l’umanità è anche lo scioglimento dei sentimenti”. Un monito che quest’opera lancerà – dopo la rappresentazione al Teatro alla Scala – all’Opera di Hannover, a Birmingha,, alla Deutsche Oper di Berlino.
Una grande occasione che vale la pena di cogliere!!
Gli Amici della Musica

Info e prenotazioni: e-mail: marco.mologni@gmail.com cell 339-1352286

BannerEnti

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Lascia un commento